Il blog di Dire Fare l'Amore

L’ultimo orgasmo – Racconto erotico

Continua la mia collaborazione con Lelo. La scorsa settimana ho partecipato a una festa e ho colto nell’aria alcuni sguardi che mi hanno suggerito un’idea. Spesso mi succede di osservare le persone e le loro dinamiche. Ricostruire storie e pensieri. Immaginare l’ultimo orgasmo.

Ecco da dove nasce questo racconto. Che inizia così:

Le mani. Grosse, squadrate, da maniscalco.

Sono la prima cosa che ha notato di lui, e ora le sente lungo la schiena, sotto la camicetta, con una sicurezza che non è arroganza, ma ci va vicino.
Cerca di ricordare il nome dell’uomo mentre il reggiseno si arrende.

«Piacere, Alice».
«Piacere, …».

Doveva essere un nome lungo, aristocratico, decisamente in contrasto con quelle mani tozze.

«Piacere, Alice».
«Piacere, Giandomenico».

No.

«Piacere, Alice».
«Piacere, Ludovico».

Nemmeno.

L’uomo la bacia e Alice trova che sia una ragione sufficiente per smettere di pensare a quando si sono presentati.
Da dietro, le tiene i capezzoli tra i polpastrelli con una forza delicata. Li sente duri, al limite del dolore. Lei trattiene un gemito.

Lo potete leggere per intero qui

L’ultimo orgasmo

Lascia un Commento