Il blog di Dire Fare l'Amore

Il menù di Johanna

All’anagrafe faceva Giovanna. Una ragazza semplice, che non si vergognava di fare la prostituta con la spontaneità di chi non ama i fronzoli e non si scandalizza delle voglie dei maschi. Quando però andò a cena in un ristorante di lusso e vide sul menù che il purè, che lei amava molto, era diventato “spuma di tuberi nazionali” e le pasta con al sugo “cavatelli trafilati al bronzo con crema di pachino nel loro umido”, decise di cambiare il nome in Johanna, la professione in escort e di aggiornare l’elenco delle sue prestazioni. Da quel giorno offrì:

- stuzzichini di polpa di mitile con trasparenze di nero di seppia

- rigatoni profilati al lattice in salsa agrodolce

- saltimbocca alla paesana su un letto di erbetta fresca

- primosale di ovino marinato in olio extravergine

- crema chantilly all’essenza di cannella

Lascia un Commento