Il blog di Dire Fare l'Amore

Dietro le quinte di un bar

Bar della metropolitana di Milano (omissis la fermata). Tre baristi e una sola cliente, molto bella. Entro io, mentre i tre fanno i carini, gentili, educati. Ragazzi simpatici però. Lei ride con loro.
Poi paga, esce.
Restiamo tra uomini. Il tono cambia: i tre cominciano a scambiare opinioni sul modo migliore per farsi la tipa in questione e su quale dei tre fosse più adatto all’impresa. Sorprendentemente si trascura l’ipotesi di occuparsene tutti insieme. Viene però accuratamente sondata la presunta attitudine sessuale della ragazza e ne vengono cantate in modo del tutto ipotetico le possibili gesta erotiche.

Al banco resto io, cliente invisibile, o – in quanto uomo – complice per default?

Inachis

5 Commenti

  1. poetanarratore
    28 giugno 2008

    credo sia la solita enfasi di cafonaggine che quei tre dicevano ,senza un minimo di delicatezza…

    ciao Gio…

    Rispondi
  2. darkblue67
    28 giugno 2008

    noi donne siamo consapevoli di quello che accade “alle nostre spalle”, solo che ci illudiamo di stare insieme ad una persona “diversa”, di aver scelto ” uno che non sia così”.. mah…

    Rispondi
  3. LetyM
    28 giugno 2008

    non è una novità questa…scene simili sono all’ordine del giorno…lasciamoli sognare quei tre baristi…credo che se per caso quella donna,si fosse interessata ad uno di loro,di certo non sarebbero riusciti ad aprire bocca..avrebbero fatto la loro figura da idioti…

    si sà!! l’uomo è cosi….si sente forte se sta nel branco..ma preso da solo è solo un cucciolo spaurito e indifeso.

    Concludendo ..sono felice che tu ne sia stato fuori ..adesso dimmi: da spettatore quale eri: che ti sono sembrati quei tre?

    e se invece dei tre baristi fossero state tre bariste: le avresti giudiucate allo stesso modo?

    un bacione e una buona serata!!!

    Rispondi
  4. inachisio
    28 giugno 2008

    Vero: il branco protegge i codardi. Ma poi, nell’intimità, ognuno è responsabile della sua erezione… :-)

    Rispondendo a LetyM: se fossero state tre bariste, credo che…

    - avrebbero commentato lo stesso il cliente carino, ma non in presenza di altri

    - avrebbero visto qualcosa in più della semplice materassabilità

    - avrebbero colto anche dei lati negativi, perché sprovviste del “punto F” che manda in pappa il cervello.

    Per Dark: that’s the problem…

    Con Poetanarratore siamo d’accordo. Già che ci sono faccio un po’ di pubblicità al tuo blog che è molto bello.

    Inachis

    Rispondi
  5. ZuZuli
    30 giugno 2008

    Perchè l’idiozia umana non ha limite.

    Dietro e dentro una persona, c’è tutto un mondo da scoprire…chi non va oltre per me è solo un essere umano inutile che disprezzo dal profondo del mio cuore.

    Rispondi

Lascia un Commento