Blog Archives

Niente di nuovo in tv - foto inachis_io

La sindrome di Alice nel paese delle meraviglie [mysky2]

Affermata in pochi secondi la supremazia tattica e tecnologica dei figli sul telecomando di myskyhd, prosegue la sperimentazione famigliare del pacchetto full, molto full, troppo full. La gestione oraria è suddivisa in due fasce: dal risveglio al coma profondo serale la tv è praticamente off limits per me, a meno di trattative e negoziazioni diplomatiche, non esenti da compensazioni e […]

erotismo feltrinelli

Inachis inaugura la nuova Feltrinelli Express della Stazione Centrale di Milano

Inachis ha inaugurato oggi la nuova Feltrinelli Express della Stazione Centrale di Milano, insieme – a dire il vero – a qualche centinaio di persone, tutte belle sardinizzate tra scaffali e “gondole”. La libreria Feltrinelli n. 101 si sviluppa su quattro piani, 2500 mq e 45mila volumi. Tra questi, un piccolo angolo letteratura erotica, come sempre non troppo sviluppato in […]

picasso bevitrice assenzio

Assenzio

«Deve contenere dei feromoni», è quello che ho pensato alla prima sniffata, con spruzzatina clandestina sul collo, nell’atrio del mio condominio, appena prima di entrare in ascensore. Un semplice profumo non può fare quell’effetto, anche se, nella versione bevanda, è fin troppo celebre e ha saputo contribuire efficacemente alle visioni di Degas e ai turbamenti di Picasso, meritandosi una piratesca […]

michela marzano

Quello che le donne dicono. Presentazione di “Sii bella e stai zitta”

Ieri ho avuto il piacere di assistere alla Feltrinelli Duomo di Milano alla presentazione del libro Sii bella e stai zitta di Michela Marzano, introdotta e intervistata da Gad Lerner. Devo molto a questa filosofa che mi ha aiutato a capire meglio non solo le donne, ma anche gli uomini. Uno in particolare: io. E’ un’intellettuale capace di esprimere pensieri […]

paperella

Se queste paperelle vibranti potessero parlare

Torno ora dalla mia prima presentazione nel bellissimo negozio di My-yoyo in corso Vercelli a Milano. E voglio scrivere solo due righe (ho già parlato tanto, troppo) per dire grazie a tutti e tutte, a chi ha parlato, a chi ha ascoltato, a chi ha riso, sorriso e pianto (ti ho visto… ). Un grazie speciale a chi è venuto […]