Il blog di Dire Fare l'Amore

Una Spa a portata di mano? I misteri del sesso fai-da-lei


«Con la pelle ancora tonica e fresca dopo palestra e doccia… mi sento bella e sexy e mi va di sentirmi, di essere in contatto con me stessa»
«E’ un momento in cui coccolarmi, sentirmi bella anche se non mi sono depilata».
«E’ come un centro benessere portatile»
«Posso essere truccata struccata in pigiama nuda vestita depilata non depilata non interessa a nessuno, solo a me»
«Puoi giocare con te stessa senza dover istruire nessuno in merito»
«Non devi sincronizzare le agende, metterti in ghingheri, depilarti o fingere interesse per la conversazione preliminare»
«Il mio sguardo cambia, mi rilassa, mi fa bella. Un po’ come il detto una mela al giorno…»

Queste sono solo alcune delle bellissime testimonianze che ho ricevuto in risposta a un appello lanciato l’altro giorno. Dopo aver scritto un racconto sulla masturbazione maschile (A mano libera), ne vorrei scrivere uno sull’altra metà del cielo. L’autoerotismo femminile mi affascina perché mi parrebbe essere il luogo della massima intimità della massima confidenza con se stesse, più di un rapporto a due, in cui sono in gioco sensibilità e esigenze diverse. Però, ovviamente, è un mondo che non conosco direttamente. Ecco perché, se ci fosse qualche lettrice interessata da raccontarsi, io sarei interessato ad ascoltare e, poi, se ci riesco, a condensare in una nuova storia…

Grazie davvero a chi ha voluto rispondere, a chi lo sta facendo, a chi lo farà
Marco

Se lo desiderate, potete scrivermi qui

Un commento

  1. L.
    26 maggio 2012

    Io ci sto. Ti ho scritto! Spero vada bene

    Rispondi

Lascia un Commento