Il blog di Dire Fare l'Amore

Scrivere racconti erotici

Come si scrive di eros?
La risposa giusta sarebbe «non lo so», «sto cercando di scoprirlo». Però è una domanda che mi fanno spesso e che più spesso ancora mi faccio io.
Per ora, ho trovato queste risposte, provvisorie.

Scrivere di eros è prima di tutto scrivere tout-court
Tutti gli ingredienti necessari ad un racconto “normale”, non di tema erotico, sono necessari anche in un racconto erotico. Per esempio: l’uso corretto dell’italiano, l’attenzione alla credibilità dei personaggi e della trama, la cura del linguaggio. Quella erotica è vista a volte come una scrittura di serie B, un po’ l’equivalente del porno, ma a parole. Invece è sì una scrittura di genere, come il giallo o il romanzo rosa, ma non per questo non merita attenzione.

Fuggire dagli stereotipi
Tuttavia, proprio perché il nostro immaginario è così pervaso dal porno e da certi film e romanzi davvero di serie B, è molto più facile che in altri settori ricadere negli stereotipo più banali: lui uomo di successo, lei pronta a inginocchiarsi appena l’uomo entra nella stanza, l’uso bulimico di calze autoreggenti e biancheria di pizzo che nemmeno mia nonna, specie per quanto riguarda la seconda categoria. Il porno sbobinato è sempre in agguato dietro l’angolo. Io trovo invece molto più intriganti le situazioni ordinarie, la quotidianità, le donne imperfette e gli uomini un po’ insicuri. Un’orgia sul panfilo nel porto di Montecarlo non mi dice poi molto.

Lasciare sognare il lettore
Un vantaggio della letteratura rispetto per esempio al cinema è di lasciare al lettore tutta la libertà di immaginarsi i personaggi, le atmosfere, le situazioni così come crede. Di essere – se vuole – anche lui protagonista della storia. Questo è ancor più vero nel campo dell’eros, dove sono in gioco i sentimenti e le emozioni più profonde di una persona. Per questo io di solito cerco di non descrivere troppo l’atto sessuale, di dare solo le informazioni necessarie al lettore per continuare poi a fantasticare. Lo accompagno sulla porta della camera da letto, e poi mi faccio da parte.

Il sesso non è un batterio
Non è un organismo unicellulare, non vive di vita propria. Occorre inserirlo in un contesto fatto di attese, di sensazioni, di possibilità… Solo allora diventa interessante, altrimenti è un atto meccanico con poca attrattiva, come scrivere un racconto sul funzionamento di un motore a scoppio. E poi, nel sesso le cose non vanno sempre come previsto: a volte ci sono défaillances, interruzioni, imprevisti. Mi sembra importante cercare di non far scivolare la storia sui binari dell’inevitabilità.

Infine
L’eiaculazione è la fine di una scopata e non di una storia. Il danno più grande fatto dal porno credo sia quello di “chiudere” i finali in uno schizzetto di pochi secondi. La vita poi va avanti, e anche quello è interessante da raccontare….

2 Commenti

  1. joshua67
    11 ottobre 2011

    … con tutte queste dritte … ti sei fatto dei concorrenti … A parte le battute condivido in pieno in particolare l’inserimento del sesso in un contesto più ampio, come appunto facciamo tutti noi quotidianamente. Un saluto.

    Rispondi
  2. Minerva
    17 aprile 2012

    Concordo con ciò che hai scritto rispetto al racconto erotico. E’ stato un piacere ritrovarsi nella grazia di queste tue parole, di contro a tanti siti nei quali vengono spacciati come ‘racconti’ quelli che sono solo dei patetici sfoghi mattutini da carenza di pezzi di corpo maschile o femminile. Ti seguo :-) E grazie.

    Rispondi

Lascia un Commento