Il blog di Dire Fare l'Amore

Tutto sulla fellatio. Una recensione

More about Osez... tout savoir sur la fellationHo portato da Parigi un libretto della collana Osez, di cui ho già parlato: Osez… tout savoir sur la fellation.

Carina la collana e l’idea (altri titoli della serie “Osez” mi sono piaciuti). Ok, il linguaggio diretto e semplice, da manuale dell’Ikea. Però secondo me questo libro ha due difetti di fondo.
1. E’ scritto da un uomo che vorrebbe insegnare alle donne quest’arte
2. Questo uomo presuppone (non so quale sia la sua storia personale…) che alle donne non piaccia fare sesso orale; di conseguenza tutto l’intento del libro è convincerle che si può ed è bello. A me non pare che nella realtà le cose stiano così. Ma il dibattito è aperto…

7 Commenti

  1. Occhidinotte
    17 gennaio 2010

    OH my God!…. Ancora?… Ma dico: ancora? Ancora con sta storia che bisogna insegnare alle donne come si fa a fare un pompino e ancora con la storia che alle donne non piace a prescindere e indiscriminatamente?…. Penso che davanti a un titolo del genere sbadiglierei e me ne andrei.
    Non perchè io sia chissà che pornostar presuntuosa e sapientona.
    Solo perchè non mi ci rivedo in questo trito e ritrito di idiozie.
    Punto primo perchè credo che la fallatio sia una cosa che non ha bisogno di regole (a parte, forse, la banalissima, non mordere o addentare). Poi perchè credo nel dialogo fra partner e nel dialogo includo anche il confronto del tipo: cosi mi piace, cosi meno, qui mi fai godere, se fai cosi mi fai male, fino alle sue più alte e profonde vette di intimità fisica e mentale…
    POi perchè… ma chi sei tu per dovermi insegnare e trattare da deficiente?…
    E poi ancora: ma che palle! Ma ci sono ancora donne che comprano roba del genere, che più che un libro sembra una sorta di allegato “CIoè”?….

    Rispondi
    • inachisio
      17 gennaio 2010

      Diciamo che hai detto con più vigore, convinzione e autorevolezza ciò che anche io volevo esprimere con la mia recensione… :-)
      Sono più che d’accordo. E mi sono anche stupito perché invece gli altri titoli della collana non sono male.

      Rispondi
  2. Valeria
    17 gennaio 2010

    Be’ dai, è preferibile a certi romanzetti che si vogliono spacciare per erotici solo perché pensano che, appartenendo al genere (o facendolo credere ai lettori), si venda di più…
    Io la trovo una cosa simpatica, poco utile ai fini pratici forse, ma si spendono un sacco di soldi in cazzate, e io questa cazzata la comprerei :D
    Personalmente, a me piace farlo e la metà del piacere è data dalla soddisfazione che leggo negli occhi di chi mi sta davanti (o sotto, o sopra, dipende dalla posizione…). Direi che il mio ha un buon 50% di piacere riflesso, ecco. Per il resto, come in ogni cosa, non c’è una vera e propria guida pratica. Però potrebbe essere divertente leggere la cosa da un punto di vista maschile.
    Ps. E chi l’ha detto, poi, che non si può mordere o addentare? :P

    Rispondi
  3. Kristalia
    20 gennaio 2010

    Bè, non è poi così scontata l’eccellenza.
    Il manuale non mi interessa perché credo – a priori e magari sbagliando – che qualunque manuale può limitarsi alla teoria un po’ troppo generalizzata, e del resto, come potrebbe adattarsi ad ogni esigenza?
    Però so anche che la fellatio – così come il cunnilingus – non sempre è sublime :-) E’ un’arte e come tale richiede “talento”, amore, e… conoscenza (?).
    Questo gli uomini lo sanno, così come le donne sanno che le lingue non sono tutte uguali. Io, ad esempio, annovero poche eccellenze: tutti lo fanno, ma pochi si fanno ricordare ;-)
    Scusate, sono stata un po’ cruda?
    Un caro saluto a te, Inachis

    Rispondi
  4. Paperella_79
    2 ottobre 2010

    oggi ho scoperto che si trovano anche in italiano :)

    Rispondi
  5. Isadora Drunken
    2 ottobre 2010

    Sono possibilista. Non ho letto il testo, ormai non mi serve più, ma se l'avessi trovato in libreria quand'ero principiante, accidenti se l'avrei comprato! Forse potrebbe entrare in una bibliografia di sostegno per neofite. E concordo sulle mordicchiate, chi ha detto che non si può? :-)

    Rispondi

Lascia un Commento