Il blog di Dire Fare l'Amore

Attrazione fatale [sveltina]

Sveltine

La cosa più inquietante di questa “sveltina” è che è tratta da una storia vera. Cioè, è vera proprio, realmente accaduta. Ma non basta. Questa storia è stata raccontata dal protagonista (il sig. Michele, nel mio racconto) a mia suocera e poi da lei a me (risparmio i dettagli)! Ma siccome non c’è limite al peggio, il racconto è avvenuto al termine di un funerale di un amico comune.

Basta, io smetto di far fatica a inventare: la realtà è sempre un passo oltre…

ATTRAZIONE FATALE

La sera in cui il sig. Michele, anni 67, decise di svoltare a destra in via Santo Spirito per abbreviare di un isolato la sua corsetta e ripiegare verso casa, era uno di quei tardi pomeriggi di fine estate in cui il sole tramonta ancora sufficientemente tardi per non dover mettere quelle ridicole strisce catarifrangenti sulle caviglie. E se aveva deciso di prendere una scorciatoia era solo per la voglia di rivedere Anita, sua compagna da qualche anno: una presenza vivace e frizzante che aveva portato vita nella sua esistenza di pensionato separato. Forse per questo si sentiva ancora discretamente in forma e piacente nel suo completo da footing, pantaloncini corti a tre tasche, maglietta traspirante, il tutto ringiovanito da un ipod al braccio e da un paio di Nike air.

Girato l’angolo, solo un lungo rettilineo lo separava dalla palazzina in cui abitava. Michele accelerò leggermente incrociando una donna bionda che avanzava con passo lento in senso opposto.
Era solo un’impressione, o la donna gli aveva sorriso nell’attimo in cui si erano sfiorati sul marciapiede? Per quanto ora felicemente accasato, il sig. Michele non sfuggiva alla psicologia del maschio decadente, consapevole del fatto che ogni seppure effimero piacere è un dono della vita da gustare senza rimpianti e con gratitudine dato che potrebbe essere uno degli ultimi.

Fu così che il sig. Michele finse di doversi allacciare una scarpa e si inginocchiò a pochi metri dalla donna, che – ci avrebbe giurato – si era pure fermata e girata indietro. Alzò gli occhi mentre le mani annodavano con gesti automatici i lacci, e incrociò il suo sguardo.
Lei fece un passo.
Il sig. Michele approfittò di questo movimento per osservarla meglio: era una signora di mezza età, curata, piacente. Un vestito di una certa eleganza fasciava un corpo ancora tonico e proporzionato.
Pensò per un attimo che potesse essere una compagna di scuola (no, troppo giovane), un’amica della ex moglie che non aveva riconosciuto (oddio, no), una vicina, una collega, un’infermiera dello studio medico… Nulla. Il suo viso non gli ricordava nulla.

La donna si avvicinò.
- Mi scusi, forse le ho fatto perdere il ritmo -, disse con un sorriso.
- Sono arrivato -, si schernì Michele leggermente ansimante.
- E’ che… Oddio che vergogna, mi perdoni…
- …
- Beh, insomma, stavo ammirando il suo stile, la sua forza. Insomma, non capita spesso di vedere un uomo della sua età [altro sorriso, breve pausa] così in forma!

Il sig. Michele sentì l’autostima entrare in circolo. Ritrovò una respirazione profonda e lenta da sportivo, alzò la schiena, contrasse gli addominali.
- Dice davvero?
La donna affidò la sua risposta ad una mossa del capo accompagnata da un’occhiata diretta ed esplicita che colpì il bersaglio nel cerchio rosso centrale.
Il sig. Michele sentì montare un compiaciuto imbarazzo insieme a una non meno imbarazzante erezione.
- Insomma – tagliò corto la donna -, lei è un uomo che non passa inosservato.
Un movimento impercettibile in avanti diede corpo alla frase. E, da attento osservatore della comunicazione non verbale, che aveva insegnato per anni all’università, Michele si accorse che la sconosciuta si era introdotta nello spazio personale, che non viene mai invaso in una conversazione ordinaria.

Si trattava ora di accogliere o respingere quell’intrusione. E il sig. Michele, forse per auto compiacimento, forse per vedere fin dove la signora si sarebbe spinta, accolse.
- Trova? – disse, rispondendo ad una domanda il cui significato era stato ormai sorpassato dai gesti dei due. E, così dicendo, insinuò un piede tra le decolleté leggermente divaricate della bionda.
- Un bell’uomo, decisamente – Ribadì lei. – Se non fosse sposato, ci farei un pensierino…
Un seno prominente si appoggiò sul petto del sig. Michele che aveva ormai raggiunto preoccupanti valori di pressione sanguigna e battito cardiaco. Due mani femminili lo cinsero ai fianchi.

Ma, come talora accade agli uomini incapaci di peccare senza rimorso, un attimo prima che le labbra rosso fuoco della sconosciuta si appoggiassero sulle sue, il sig. Michele fu preso da un istinto di sopravvivenza che lo portò a indietreggiare e a scusarsi:
- Ora, però, devo davvero andare – balbettò. – Mi aspettano a casa.
- Vai, sciocchino – Fu la risposta, accompagnata da una pacca ben assestata sulla natica destra.

Michele percorse gli ultimi metri che lo separavano dal nido protetto con un’andatura incerta, a tratti fiera e sicura per la sua forza d’animo, a tratti indecisa per il piatto lasciato fumante sul tavolo.
Salì le scale quattro a quattro ed entrò in casa con l’aria di chi ha da dare una bella notizia.
Anita si affacciò dalla porta della cucina.
- Cara! Hai davanti un uomo piacente e ancora capace di sedurre!
E, per giustificare questa iperbolica affermazione, raccontò l’avventura appena vissuta, fino alla pacca finale sul sedere.

Anita lo guardò con quello sguardo senza speranza che spesso accompagna i rapporti rodati:
- Prova un po’ a guardarti il portafogli?

Il sig. Michele, intravedendo una possibile lettura alternativa di quanto accaduto, portò una mano alla tasca sulla quale, poco prima, si erano posate le mani avide della donna.
- Cazzo, il portafogli…

20 Commenti

  1. bluele
    25 settembre 2008

    sempre grandioso! :)

    Rispondi
  2. KittyGiulia
    25 settembre 2008

    pazzesco quanto non ci si possa fidare mai..lo trovo triste..

    Rispondi
  3. inachisio
    26 settembre 2008

    Sì, un po’ triste. E che botta per l’autostima del poveretto…

    Rispondi
  4. nuovo45
    26 settembre 2008

    la realtà non corrisponde mai ai pensieri palesi o nascosti…simpatica storiella.

    Rispondi
  5. Kristalia
    27 settembre 2008

    Il pavone che è in noi ci tira spesso brutti scherzi.

    Tu parlavi tempo fa della ricerca di conferme … questo è un altro esempio.

    E mentre mi accendo lentamente una sigaretta, mi sto chiedendo se ne siamo consapevoli. La mia prima risposta è affermativa: temo che per questa ricerca, siamo disposti a rischiare molto più di quanto razionalmente siamo in grado di accettare.

    Voglio dire che tra conscio e inconscio, la battaglia per la ‘sopravvivenza’ – che va ben oltre il mero sostentamento, si fa aspra, o semplicemente tesa, e non sempre l’emisfero ove risiede l’emotività ha la peggio.

    È solo una chiave di lettura di una donna forse ancora assonnata :-)

    Rispondi
  6. utente anonimo
    27 settembre 2008

    Hahahahahhaha..hihihihhihhi..la vanità…non è solo “femmina”…kiss M.

    Rispondi
  7. HousesoftheHoly
    28 settembre 2008

    secondo me Michele legge Men’s Health

    Rispondi
  8. SIU2
    28 settembre 2008

    ciao, vuoi partecipare alla seconda edizione del blog game tra inferno e paradiso?

    Ti aspettiamo su http://www.angeliediavoli2.splinder.com

    PS: questo messaggio è standard e rivolto ai blog che reputiamo interessanti per un’eventuale partecipazione; se ti ha arrecato disturbo ce ne scusiamo a priori :)

    Rispondi
  9. inachisio
    28 settembre 2008

    Tra i grazie a tutti i commenti, vorrei riprendere l’idea di Men?s Health perché mi pare molto azzeccata!

    Inachis

    Rispondi
  10. LetyM
    28 settembre 2008

    simpatica storia

    Rispondi
  11. inachisio
    28 settembre 2008

    Lety, e dovevi vedere mia suocera mentre me la raccontava!

    ;-)

    Inachis

    Rispondi
  12. unsogno
    29 settembre 2008

    Anita è molto piu’ pratica!

    un sorriso

    giulia

    Rispondi
  13. inachisio
    29 settembre 2008

    Le donne SONO più pratiche.

    ;-)

    Inachis

    Rispondi
  14. Grasside
    22 novembre 2008

    Nooooo!!! XD

    Ma povero!!!

    Però dietro la risatina, un pò dispiace per questo signore…

    Rispondi
  15. sorridocolcuore
    28 luglio 2009

    troppo forte
    però son forti anche le donne
    ridoooo

    Rispondi
  16. Laura
    7 settembre 2010

    Delizioso, con bel ritmo

    Rispondi
  17. secretgarden70
    24 settembre 2010

    In molti tuoi racconti si percepisce palpabile una suspance,
    una piccola tensione che deriva da una situazione
    ambigua,non chiara ,di cui non si intravede la soluzione.
    E la soluzione che alla fine fornisci ha sempre una piccola morale,
    oltre a testimoniare una grande fantasia.

    Rispondi
  18. anna
    13 aprile 2011

    Fossi stata io al posto della bionda avrei invece concluso diversamente , avrei concretizzato

    Rispondi
  19. Lust
    20 maggio 2011

    Fantastico!!!!!

    Rispondi
  20. akuabrillante
    14 novembre 2012

    Furbacchiona la donzella……..anche lui però….se la tira …..e si é visto ;-))

    Rispondi

Lascia un Commento