Il blog di Dire Fare l'Amore

Fermata fuck-oltativa

Mi sono accorto di essere morbosamente attratto dai particolari. Di una scena colgo a volte dettagli apparentemente insignifcanti, e poi mi accorgo che sono la sintesi di tutta la situazione. Da qui nascono gli "snapshot", piccole istantanee che mi sono rimaste in mente.

E’ una mattina come altre. Sto aspettando  il tram 27, alla fermata in piazza Cadorna a Milano. Tra gli altri passeggeri in attesa, noto una ragazza sui 25. Poco dopo, un ragazzo più o meno suo coetaneo, attacca discorso con una scusa. Lei sorprendentemente non lo fanculizza e prosegue la conversazione.
Nel frattempo arriva il tram, saliamo tutti e mi ritrovo ancora vicino ai due, ora impegnati in un dialogo più fitto.
Tempo dieci minuti arriviamo alla fermata di via Larga, dove lei deve scendere.
Capito il precipitare della situazione, lui le chiede il numero di cellulare.
Lei appare perplessa: «Certo, se te lo do il mio ragazzo non sarà molto contento».
Poi evidentemente riflette sulla precarietà della vita umana e aggiunge: «Ma sì, che me ne frega… E poi, non è che per una scopata extra gli devo rendere conto! Dunque: 333…..».
Io, basito.
Lui: «Allora vengo a prenderti oggi al lavoro».

Gli altri snapshot, tutti insieme qui
oppure uno a uno qui sotto:
1.
2.
3.
4.
5.
6.

4 Commenti

  1. darkblue67
    10 luglio 2008

    meraviglioso.

    specie il tuo essere basito..sto ancora ridendo..

    Rispondi
  2. inachisio
    10 luglio 2008

    Allora aggiungo una cosa. Ho pensato: «Ma le cose erano così facili anche quando ero ragazzo io o sono nato nel periodo sbagliato?».

    Inachis

    Rispondi
  3. EssereAplysia
    11 luglio 2008

    Basta poco, che ce vò!

    Rispondi
  4. utente anonimo
    12 luglio 2008

    Mai titolo più azzeccato….Simona82

    Rispondi

Lascia un Commento