Il blog di Dire Fare l'Amore

Mezzo litro di panna [(il gusto) racconto erotico]


MEZZO LITRO DI PANNA
 

Ricetta mousse alle fragole

 

Ingredienti:
1 kg di fragole
4 tuorli
1 litro di latte intero
7 cucchiai colmi di farina
10 cucchiai di zucchero
1/2 litro di panna per dolci da montare

 

Lavare e tagliare le fragole a pezzetti, mettendole a macerare per un giorno in frigorifero.

 

Questo l’ho fatto, pensò Giulia, rileggendo la prima frase della ricetta e togliendo dal frigorifero la ciotola con le fragole. La appoggiò piano al centro del tavolo, chinandosi leggermente in avanti. Due pensieri le attraversarono la mente: immaginò il momento in cui avrebbe gustato il dolce con Diego; la sua faccia goduriosa e sorpresa. Magari l’avrebbe imboccato, e lui avrebbe chiesto: «Festeggiamo qualcosa?».

«Festeggiamo la scopata che faremo subito dopo!»

Avrebbero riso insieme, e poi avrebbero fatto l’amore.

Sesso e cibo, un connubio sperimentato e infallibile.

Il secondo pensiero era più vezzoso: alzando i talloni, Giulia si chiese se le mutandine chiare che aveva indossato le facessero un bel sedere. E se il vestitino cortissimo che aveva scelto lo lasciasse intravedere abbastanza.

 

Spolverizzarle con un cucchiaio di zucchero e poche gocce di limone.

 

Prese il barattolo e affondò il cucchiaio con decisione, ritraendolo traboccante di zucchero. Mescolò con vigore. La cucina ampia e ben illuminata era stato il motivo che l’aveva convinta a comprare quella casa, qualche anno prima. Aveva sempre amato le cucine grandi e accoglienti. Non era solo il luogo in cui preparare da mangiare, ma la loro sala da pranzo, la stanza in cui parlare di questioni importanti. Non di rado, era anche la loro alcova. Ogni mobile, ogni oggetto, rivestiva per lei un significato affettivo.

E anche una semplice mousse di fragole aveva un suo senso. Si sentiva attraente, Giulia, mentre mescolava gli ingredienti. Non solo per i movimenti del suo corpo, né per il vestitino volutamente troppo corto che indossava. Ma perché in quel dolce stava impastando il suo amore per Diego. Con tenacia, riannodava i fili di una storia d’amore vera, intensa, duratura, ma a volte – specie ultimamente – un po’ sopita.

 

Preparare intanto la crema. Sbattere le uova con lo zucchero e aggiungere man mano la farina e il latte a temperatura ambiente. Filtrare il composto e versarlo in una pentola alta antiaderente. Girare la crema sempre nello stesso verso a fuoco moderatamente basso.

 

Spesso pensava a quanto fossero sensuali i gesti di una cuoca. Si chiedeva se chi scriveva le ricette si fosse mai accorto di quanta somiglianza ci fosse con i movimenti dell’amore. Guardò le uova che imbiancavano e spumeggiavano insieme allo zucchero. Immerse un dito nella ciotola e lo portò alle labbra. Senza ostentata voluttà, ma con piacere, con la stessa naturalezza con cui faceva l’amore.

Attraversò la cucina per andare verso il fornello. I tacchi delle scarpe risuonavano sul pavimento in cotto. Versò la crema nella pentola, osservandola colare. Strinse il cucchiaio di legno tra le dita e iniziò a girare, sentendo pian piano il composto indurirsi.

Un brivido di eccitazione le percorse la schiena: il corpo cucinava, ma la mente immaginava di prendere il sesso di Diego e di stringerlo, accarezzarlo, manipolarlo, sentendolo crescere nelle sue mani. Avrebbe continuato fino a condurlo al limite del piacere, e, solo allora, gli avrebbe chiesto di penetrarla.

 

La crema sarà pronta quando risulterà densa. Togliere dal fuoco e farla raffreddare.

 

Giulia sentì che l’impasto aveva raggiunto la giusta consistenza, spense il fornello e fece un passo indietro. Sciolse il nodo che teneva il vestito e lo lasciò cadere ai suoi piedi. In mutandine e tacchi alti attraversò nuovamente la cucina e appoggiò la pentola sul piano di marmo vicino al lavello.

Sul quel marmo avevano fatto l’amore più di una volta. Lo trovava della giusta altezza e amava il contrasto tra il freddo della pietra e il calore che sentiva sprigionasi dal corpo di lui.

Aprì il frigorifero, prese la panna ed estrasse la frusta dal cassetto. Tornò al tavolo, gustando a ogni passo, volutamente lento, lo scivolare umido delle cosce.

 

Montare la panna ben ferma e aggiungerla alla crema fredda con un frustino.

 

Si tolse le mutandine e le gettò accanto al vestito. Poi impugnò la frusta e cominciò a sbattere la panna.

Nuda, in mezzo alla cucina inondata dal sole di primavera, sentiva il seno sobbalzare a ritmo. Le braccia indolenzite le ricordavano la spossatezza del sesso consumato. I tacchi la costringevano in una posizione più arcuata del normale, che metteva in risalto il fondoschiena.

Portò a termine l’operazione resistendo alla tentazione di toccarsi. Aveva sempre amato ritardare il momento del piacere, e quel lieve supplizio, quel compito da assolvere, accrescevano il suo desiderio, come una promessa di piacere.

Sfinita, appoggiò il recipiente con la panna sul tavolo.

 

«E ora» disse ad alta voce, «bisognerà aspettare che la crema si raffreddi…»

Si voltò e, per la prima volta da quando aveva iniziato a cucinare, guardò l’uomo seduto sulla sedia all’angolo della stanza.

Diego era rosso in viso, evidentemente coinvolto dallo spettacolo a cui stava assistendo. Ma, come lei gli aveva chiesto, non aveva fatto un gesto né detto una parola. Aveva solo lasciato che, attraverso il suo sguardo, il desiderio arrivasse al culmine.

 

Senza perdere il contatto visivo, Giulia si avvicinò. Allargò lievemente le gambe e porse il suo sesso alla bocca di lui. Permise alla sua lingua di esplorare ogni piega, di scavare solchi di piacere. Si fece leccare a lungo, poi lo prese per mano e lo condusse al tavolo. Appoggiò il busto sul piano, offrendosi a lui di spalle.

Appena lo sentì entrare in lei, chiuse gli occhi per gustarlo fino in fondo.

Quando li riaprì, si accorse di avere davanti al viso il quaderno con la ricetta.

 

Infine si aggiungeranno solo le fragole, ma senza il succo.
Con il succo si bagneranno dei savoiardi o delle fette di pan di Spagna adagiate in una grande coppa… Tanti strati fino a terminare la crema.
Guarnite con fragole spolverate di zucchero e foglioline di menta.

31 Commenti

  1. ZuZuli
    6 marzo 2008

    Splendido racconto e poi fa un immenso piacere che ci sia la mia ricetta da ‘contorno’!

    Sei bravissimo!

    Rispondi
  2. baciodirugiada
    6 marzo 2008

    ah bene metterò in pratica ghghgh

    ma Giulia diventa per un attimo Giada nella prima parte ghghgh

    un saluto

    Bacio

    Rispondi
  3. inachisio
    6 marzo 2008

    ops! grazie, Ru-Giada, ho corretto!

    Rispondi
  4. Leaaa
    6 marzo 2008

    Dal mio blog:

    Ciao inachisio… la tua riflessione è bellissima…e da un uomo nn potevano arrivare parole più belle… ti ringrazio …e spero tornerai a trovarmi presto…

    Grazie di cuore…davvero…

    LeAAA

    Rispondi
  5. GiselleB
    6 marzo 2008

    grandioso!

    me lo regali un sogno? solo due righe…

    grazie! :)

    Rispondi
  6. calmaapparentex
    7 marzo 2008

    posso dire solo wow….

    mi pare non serva nulla altro!

    Rispondi
  7. manuelacapay
    9 marzo 2008

    bravo

    Rispondi
  8. bluele
    10 marzo 2008

    “ricetta” interessante!

    Rispondi
  9. ruggioso
    10 marzo 2008

    Complimenti, belli i tuoi racconti, io sono un po’ logorroico forse se ti capita mi farebbe piacere qualche consiglio.

    rug.

    Rispondi
  10. phasesofthemoon
    11 aprile 2008

    wow…uno pari..palla al centro…e anche le donne godono….meglio molto meglio…bravo….phases…

    Rispondi
  11. KittyGiulia
    26 maggio 2008

    ciao Inachis..mi sono accorta che nella sezione “racconti dei 5 sensi” manca la vista..per curiosità..hai pensato di scrivere qualcosa a proposito? è un caso? è pura curiosità…

    Rispondi
  12. inachisio
    26 maggio 2008

    La faccenda è complessa, ma non così tanto. Mi è stato fatto osservare che “Mezzo litro di panna” è più un racconto sulla vista che sul gusto, sebbene parli di una ricetta, quindi lo considero “vista”. Ora sto scrivendo “Tempura”, che è un racconto sul gusto.

    Lettrice attenta, la Giulia…

    Inachis

    Rispondi
  13. KittyGiulia
    26 maggio 2008

    hi hi.. ;) grazie per avermi risposto..a questo punto l’unica curiosità che mi rimane è quella di sapere come sarà il nuovo racconto..attendo fiduciosa la pubblicazione! a presto..

    Rispondi
  14. ocramasil
    31 agosto 2008

    …mi e’ venuta una voglia…di panna!!!

    Rispondi
  15. inachisio
    31 agosto 2008

    :-)

    Ti capisco…

    Rispondi
  16. MissEnne
    1 dicembre 2008

    Devo dire che m’ha un pò imbarazzata questo racconto. Racconto che coglie, nello specifico, un desiderio femminile.

    Carina l’idea su cui s’articola il tutto, molto incisivo il finale.

    Rispondi
  17. Nikky83
    28 gennaio 2010

    Da mettere in pratica…in cucina, con un amico, un amante, un compagno…quante fantasie!

    Rispondi
  18. Giovanni
    12 agosto 2010

    Ciao, grazie per le ottime notizie e il buon servizio che date.
    Vorrei sapere se secondo voi questo prodotto mi può aiutare http://www.eiaculazioneprecocerimei.com/
    Grazie e ciao

    Rispondi
    • inachis_io
      15 agosto 2010

      Veramente questi commenti del cazzo, solo per avere un likino non li capisco. Ti ho cambiato l'indirizzo cosi' e' pure inattivo. Boh. Poveretto

      Rispondi
  19. elettra
    16 marzo 2011

    grande come sempre!!! me lo sono proprio “gustato”!!! :D

    Rispondi
  20. Lust
    20 maggio 2011

    Sensualmente goloso

    Rispondi
  21. Sukiauki
    7 novembre 2011

    devo assolutamente fare questa ricetta…nella mancanza di uno per guardarmi mentri cucino faró finta di che lui é ancora qui con me …la differenza é che dopo mangeró da sola, in tutti i sensi…come al solito….

    pure una volta mi hai fatto viagiare nell’emozione e nei ricordi…grazie

    Rispondi
  22. S.
    4 gennaio 2012

    Assaporata parola per parola. Toccata ogni sensazione. Immaginata ogni fase …della ricetta. Scrivi diviname(a)nte. Ridente scoperta.

    Rispondi
  23. inachisio
    29 gennaio 2012

    Ho aggiunto una foto “di copertina” a Mezzo litro di panna. Grazie a Misscapanna, che ne è l’autrice e il soggetto

    Rispondi
  24. ainos
    7 febbraio 2012

    bellissimo, sensuale, complimenti scrivi davvero molto bene, ma quello che traspare da questi racconti è vero eros senza volgarità, complimenti

    Rispondi
  25. akuabrillante
    22 ottobre 2012

    “molto gustosa” la tua ricetta ;-) cercheró di imitarla …..

    Rispondi
  26. akuabrillante
    22 ottobre 2012

    “molto gustosa” la tua ricetta ;-) cercheró di sperimentarla…..

    Rispondi
  27. akuabrillante
    22 ottobre 2012

    mooooolto “gustosa” la tua ricetta…….. ;-) cercherò di sperimentarla alla prima occasione…

    Rispondi

Lascia un Commento